“Perché se siamo consapevoli del disastro climatico non agiamo?”

l’EcoLogico


L’altra Puglia si scopre pedalando, in Salento 300 chilometri di slow tourism

Più turisti che abitanti. In Italia, secondo le previsioni di Demoskopika, quest’estate sono attesi 68 milioni di visitatori, per un totale di 267 milioni di pernottamenti. Può essere una fortuna o una sciagura: dipende dalla loro concentrazione nel tempo e nello spazio e dalla nostra capacità di accoglienza. Possono rendere invivibili alcune spiagge e città d’arte e nello stesso tempo condannare all’abbandono borghi rinascimentali e paesaggi che in altre aree del mondo sarebbero formidabili attrattori turistici. Oppure possono distribuirsi in maniera più fluida alimentando
Continua a leggere su HuffPost

La dengue, un altro regalo della crisi climatica

Non solo caldo, anche zanzare. Cioè dengue e malaria. L’elenco dei rischi concreti e imminenti che il rallentamento della transizione ecologica sta causando si allunga. Li ha messi a fuoco l’European Climate Risk Assessment dell’Unione Europea sottolineando, accanto all’impatto sanitario delle ondate di caldo che l’estate porterà con sé, l’aumento del numero di persone esposte a malattie come malaria e dengue che hanno come vettore una specie che si trova perfettamente a suo agio mel pianeta che stiamo surriscaldando: le zanzare. Piccole ma letali, visto che
Continua a leggere su HuffPost

Case green, la direttiva passa (col no di Italia e Ungheria). Che cosa prevede

Adesso è ufficiale. Il Consiglio dell’Unione Europea ha approvato la proposta di direttiva per il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici, più nota come direttiva sulle case green. L’Ecofin ha trovato la maggioranza qualificata richiesta perché solo Italia e Ungheria hanno votato contro (astenute Croazia, Repubblica ceca, Polonia, Slovacchia e Svezia).

Continua a leggere su HuffPost

EY: “Per l’87% delle imprese la sostenibilità è un vantaggio competitivo”

Per le imprese è sempre più difficile separare l’idea di una buona gestione economica da quella di una buona gestione ambientale: l’87% dichiara che la sostenibilità è importante come vantaggio competitivo. Questa convinzione, che non è solo teorica ma viene resa concreta dalle scelte operative e di budget, è la novità che emerge dello studio EY “Seize the Change” presentato oggi e basato su
Continua a leggere su HuffPost

La Corte europea condanna la Svizzera: “Non ha agito per ridurre il rischio climatico”

Il diritto a essere difesi dalle conseguenze della crisi climatica, cioè dall’impoverimento delle condizioni di vita e dall’aumento del rischio di morire travolti da una frana o uccisi dalla siccità, è stato sancito in modo ufficiale dalla Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu). La Corte ha condannato la Svizzera per aver ignorato l’obbligo di
Continua a leggere su HuffPost

Meno CO2 e più posti di lavoro, il lato positivo del sì europeo alle case green

Il Parlamento europeo l’aveva battezzata, in modo sobrio e asettico, Energy Performance of Buildings Directive. La traduzione “direttiva sulle case green” è stata più efficace ma ha complicato la vita al provvedimento. L’aggettivo green è sventolato come un panno rosso di fronte alla destra che scommette sulla contrapposizione tra interessi ambientali e interessi sociali (per amor di cronaca va detto che è esattamente il contrario degli obiettivi ambientali dell’Unione Europea basati sulla sintesi ESG, cioè tenere assieme
Continua a leggere su HuffPost

La crisi climatica si aggrava e l’Europa non è preparata: adattare agricoltura e città

L’inverno, si sa, è il passato: ormai appare solo a tratti, indebolito e qualche volta rabbioso. Ma la pioggia mantiene più o meno la sua massa critica e la riversa in periodi sempre più concentrati, aumentando la pressione su terreni inariditi e fragili. Ce lo dimostra un weekend di ordinaria amministrazione, come quello che si è appena concluso con un bollettino che racconta la nuova normalità:
Continua a leggere su HuffPost