l'EcoLogico

blog di Antonio Cianciullo

Antonio Cianciullo Blog l'Ecologico

E’ ora di cambiare.

Mi occupo di ambiente come giornalista dal 1980. Coordino Terra, il canale sull’ambiente dell’Huffington Post.

Ho scritto qualche libro, l’ultimo è “Un pianeta ad aria condizionata”. E credo che sia arrivato il momento di cambiare passo.
Per smettere di addentare in modo bulimico il pianeta non bastano i notai dei disastri, ci vogliono romanzi, film, serie TV che aiutino a costruire un immaginario quotidiano in linea con la nuova realtà, quella in cui rischiamo di finire vittime di noi stessi. Questo cambiamento fa bene all’ambiente, rilancia l’economia, rafforza la coesione sociale.

Vogliamo cominciare?

Cosa sto facendo

Antonio Cianciullo Blog l'Ecologico

Il BLOG

Rinnovabili e biometano per risparmiare un terzo del gas importato

Con il rubinetto del gas sempre più a rischio e il petrolio oltre i 100 dollari al barile, il fronte elettrico chiede al governo di reagire con forza alla crisi ucraina che rende sempre più precarie le forniture di metano. La richiesta è varare una strategia in grado di far uscire in tre anni il Paese dall’incubo energetico in cui è finito: spingendo sulle fonti rinnovabili e sul biometano si può sfuggire al ricatto sul gas tagliando un terzo dei consumi di questo combustibile.

La proposta viene da Elettricità Futura l’associazione confindustriale che raggruppa oltre 500 aziende, il 70% del mercato elettrico nazionale. “Quando abbiamo organizzato questa conferenza stampa avevamo un prezzo del gas quadruplicato in un anno, con la guerra in corso ora è quintuplicato”, afferma Agostino Re Rebaudengo, presidente di Elettricità Futura. “Siamo di fronte a un’emergenza che si somma a una situazione di crisi strutturale e che richiede misure adeguate: o sblocchiamo le procedure che paralizzano la realizzazione degli impianti di rinnovabili o chiudiamo la luce. L’emergenza energetica ci è già costata quasi 20 miliardi, è arrivato il momento di mettere il Paese in sicurezza”.

continua a leggere su HuffPost

“Ecco perché i tecnici Ue negano il bollino verde a nucleare e gas”

continua a leggere su HuffPost 

Picco di gas serra, alluvioni, incendi: 2021 anno nero per il clima

(Photo by DIMITAR DILKOFF/AFP via Getty Images)

 

Ma gli impegni presi alla Cop26, la crescita delle rinnovabili e il boom dei green bond mostrano qualche segnale di cambiamento

La crisi climatica irrobustita, le emissioni serra schizzate in alto, le promesse ambientali moltiplicate. In estrema sintesi è questo il bilancio ambientale del 2021: debole nei fatti, forte negli annunci.

La transizione energetica è inciampata in un virus. E pensare che nel 2020 c’è stato chi ha cantato la poesia delle città in lockdown: meno smog, acque più pulite, uccellini in sottofondo. Non ci voleva un mago per prevedere che, in assenza di misure strutturali, al calo delle emissioni causato dallo stop di molte attività avrebbe corrisposto un picco di emissioni alla ripresa.

Continua a leggere su HuffPost