Dai gas nervini all’attacco dei campi. Un secolo di storia dei pesticidi

ADN-ZB/Archiv
I.Weltkrieg 1914-18
Mit Gasmasken ausgerüstete Bedienungsmannschaft eines deutschen schweren Fla-MGs
8915-35
[Scherl Bilderdienst]
Siamo quasi al centenario della fine della prima guerra mondiale e quei quattro anni drammatici, con tutti i saggi e gli articoli usciti in occasione dei cento anni dall’inizio del conflitto, sembrano essere stati raccontati da tutti i punti di vista. Eppure, a ben vedere, ne manca uno. E non secondario. La grande guerra non è stata solo un massacro che ha ucciso o mutilato decine di milioni di persone. Ha anche contribuito a cambiare in profondità il rapporto tra tecnologia e natura: ha affilato un’arma chimica che, dopo essere stata sperimentata con successo nelle trincee, è stata riadattata per i tempi di pace. La straordinaria capacità aggressiva di questo nuovo strumento si è spostata dai campi di battaglia a quelli agricoli. I gas nervini hanno generato i pesticidi.

Continua a leggere su Cambialaterra.it

se l’articolo ti piace condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.