Una legge per fermare la strage da amianto

Una legge per fermare la strage da amianto

Nonostante l’asbesto sia vietato dal 1992, nel 2016 ha causato 6 mila vittime. Se non si interverrà, saranno 54 mila da oggi al 2025, quando si raggiungerà il picco di mortalità

ROMA – La legge che lo vieta è del 1992 eppure il picco di mortalità deve ancora venire. L’amianto infatti è un killer di lungo corso: uccide provocando mesotelioma, cancro polmonare e asbestosi. In Italia ha fatto 6 mila vittime nel 2016, ma saranno 54 mila da oggi al 2025, quando si raggiungerà il picco di mortalità; e 100 mila nei prossimi 120 anni. Per fermare questa strage è stata proposta una legge. La norma, annunciata oggi in una conferenza stampa convocata dall’Osservatorio nazionale sull’amianto, prevede un credito di imposta per la bonifica e per la messa in sicurezza pari al 50% della spesa per le imprese e al 75% per i privati.

Continua a leggere su Repubblica:

se l’articolo ti piace condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.