India, tempeste di sabbia e alluvioni: i poveri pagano la crescita dei ricchi

ROMA – Tempeste di fulmini e sabbia con oltre 150 morti in due Stati indiani, il Rajasthan e l’Uttar Pradesh. Settecentomila sfollati in Kenia e Somalia per le piogge che hanno interrotto con disastrose alluvioni mesi di siccità. Il termometro che a Nawabshah, nel sud del Pakistan, ha superato i 50 gradi, una temperatura del tutto anomala in questo periodo, come ha sottolineato L’Organizzazione meteorologica mondiale. E’ un maggio in linea con le previsioni su un cambiamento climatico destinato ad accelerare finché non smetteremo di far salire la concentrazione di CO2 nell’aria, bruciando combustibili fossili e tagliando foreste.

Continua a leggere su Repubblica

se l’articolo ti piace condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.