Alleanza online contro il traffico di specie protette

Un taglio al commercio illegale online di animali, o parti di animali, in via di estinzione: dai cuccioli di tigre agli oggetti in avorio. L’intesa è stata raggiunta dalle maggiori società di e-commerce e hi tech che hanno deciso di unire le loro forze a quelle del Wwf, di Traffic (Trade record analysis of fauna and flora in commerce) e Ifaw per arrivare a dare un taglio robusto a un mercato che viene stimato in 20 miliardi di dollari l’anno.

Continua a leggere su Repubblica

 

se l’articolo ti piace condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.